> arance

PROPRIETA' ORGANOLETTICHE

Il "Tarocco di Francofonte" è senza dubbio il prodotto tipico francofontese per eccellenza, poichè secondo alcuni studi, il "Tarocco" a polpa rossa (frutto considerato come uno dei simboli che contraddistinguono la Sicilia) è originario proprio del territorio francofontese, che da qui si sarebbe diffuso in buona parte della Piana di Catania.

La polpa rossa (o semipigmentata) è dovuta alla temperatura umida che nei mesi invernali contraddistingue il clima francofontese che, favorendo lo sviluppo d’ importanti sostanze antiossidanti (in particolare le vitamine C, A,B1 e B2) secondo alcuni studi scientifici, prevengono sia l'invecchiamento, sia l'insorgere di numerose malattie che vanno dalle più banali influenze ai più gravi tumori. Questo tipo di arance pigmentate a polpa rossa sono molto dolci e possiedono un elevato contenuto di vitamine (in particolare la Vitamina C).

Per le sue caratteristiche organolettiche eccellenti, il "Tarocco di Francofonte" è considerato l'arancia rossa più nobile e tale riconoscimento è avvalorato dalla certificazione "IGP" ("Indicazione Geografica Protetta"). Queste arance vengono consumate fresche, ma anche utilizzate per la produzione di succhi, bevande, dolciumi, essenze e profumi. Inoltre da queste Arance si ottengono numerosi prodotti dolciari come:squisite marmellate per la preparazione di crostate, caramellate al cioccolato, liquori all’arancia e al limone, buccia candita, succhi di frutta ecc...
Non meno importanti sono le Arance a polpa bionda o semipigmentata: i Mandarini, le Clementine e i Limoni.

 

Arance pigmentate

A sostegno di tutto ciò, un breve passo tratto da "Innovazioni varietali in agrumicoltura" - Regione Siciliana - Assessorato Agricoltura e Foreste Servizi allo Sviluppo

Le arance pigmentate sono caratterizzate dal colore rosso della polpa e della buccia, determinato dalla presenza di un pigmento idrosolubile, l'antocianina. Questa sostanza ha proprietà farmacologiche molto importanti poiché rallenta i processi di invecchiamento cellulare, prevenendo così l'insorgenza dell'ulcera gastrica, del morbo di Parkinson, della malattia di Alzhaimer e dei processi tumorale. Ciò avviene poiché il pigmento ostacola la formazione di radicali liberi, prodotti metabolici che in eccesso sono pericolosi per l'organismo. Inoltre rigenera la porpora visiva e di conseguenza favorisce l'adattamento dell'occhio all'oscurità.

La colorazione, di intensità variabile in funzione della varietà  e delle condizioni ambientali, viene esaltata dalle escursioni termiche che si verificano fra il giorno e la notte, in autunno ed inverno. Le varietà pigmentate hanno una limitata capacità di adattamento: esse si sono diffuse quasi esclusivamente in Sicilia, dove, solo in alcune aree particolari, caratterizzate da estati molto calde e forti escursioni termiche giornaliere autunno-vernine, manifestano la particolare colorazione del frutto. La peculiarità del frutto è stata riconosciuta mediante l'attribuzione dell'Indicazione Geografica Protetta, I.G.P. "Arancia rossa di Sicilia", allo scopo di caratterizzare e valorizzare questa tipica produzione.

L'Arancia Tarocco rappresenta il 45% della produzione arancicola italiana; Moro e Sanguinello hanno perso importanza nel tempo a causa del minor favore di mercato. La varietà Tarocco dà luogo facilmente a mutazioni gemmarie, molte delle quali degenerative. La mutazione consiste nell'insorgenza improvvisa di modifiche nel patrimonio genetico delle cellule di una singola gemma; questa sviluppandosi dà origine ad un ramo, che presenta frutti aventi caratteristiche diverse dagli altri. In alcuni casi fortunati si sono evidenziati caratteri della pianta o del frutto interessanti per l'epoca di maturazione , la pezzatura, la produttività, ecc..

Attualmente si dispone di un numero elevato di cloni di Tarocco, molti dei quali derivate da mutazioni gemmarie, altri ottenuti mediante l'applicazione di biotecnologie, quali i cloni nucellari, i cloni ottenuti attraverso il microinnesto, la termoterapia, ecc..